Progetti | Romano Donato Srl

Tecniche di posa

Tecniche di posa

Sistemi di posa

Tutte le soluzioni per facciate e coperture in metallo

Per ogni progetto è importante la scelta dei materiali ma anche il sistema di posa. Per questo l'azienda si è specializzata in una serie di lavorazioni e tecniche di posa molto ampia.

Doppia aggraffatura
La tecnica dell'aggraffatura consente l’unione di lastre e nastri precedentemente profilati, ottenuta attraverso la sovrapposizione e ripiegatura dei lembi.
Il fissaggio alla sottostruttura avviene con l’ausilio di linguette ancorate mediante chiodatura. La molteplicità di sviluppi ottenibili e le disposizioni delle sezioni, aprono tante possibilità a livello decorativo. L'altezza minima dell'aggraffatura finita, pari a 23 mm, risulta dalla piegatura laterale delle lamiere che, mediante diverse operazioni, vengono congiunte per formare una doppia aggraffatura.
Il gioco che si forma, pari a 3 - 5 mm, assorbe la dilatazione trasversale delle lamiere dovuta a fenomeni termici.

 

 

 

 

 

 

 

 

Aggraffatura angolare
Questa variante prevede un'ultima piegatura dei lembi a 90° anziché a 180°.
In questo modo si forma una spallatura ad angolo che, rispetto alla doppia aggraffatura, presenta una superficie in vista più ampia, garantendo un effetto estremamente planare con una consistente riduzione degli ingrossamenti.

L'aggraffatura angolare costituisce la versione attualmente di maggior successo nel settore dei rivestimenti di facciata e superfici in vista di coperture di grande impatto estetico. Il suo impiego è comunque limitato a
coperture con pendenza minima di 25° (47%).

 

Scandole-scaglie
Le scandole sono degli elementi di dimensione e forma variabile per applicazioni in facciata e copertura con pendenza superiore al 45%. A partire dalla grondaia, a seconda della forma e del tipo di rivestimento, le scandole possono essere montate in direzione orizzontale, verticale o diagonale (rivestimento a nido d’ape).

Il fissaggio avviene per singola scandola con l’ausilio di linguette e chiodi. La sottostruttura deve essere congiunta in modo sicuro e stabile alla costruzione.

 

Lares
Il Lares è un sistema integrato pensato per coperture e rivestimenti in parete, con una serie di punti di forza. Il primo riguarda la manutenzione, praticamente ridotta a zero. Il secondo la risposta agli agenti atmosferici: il sistema di montaggio Lares non teme il gelo, né il vento né la grandine, e resiste perfettamente alle escursioni termiche e alle vibrazioni dovute al traffico. Il sistema può essere applicato a diverse tipologie di materiali e si basa su elementi modulari che vengono posati a secco in cantiere. In una sola volta, isolante termico e acustico, strato impermeabilizzante e strato di ventilazione vengono installati velocizzando i tempi di posa e ricreando un sistema perfetto per l'edilizia residenziale.

Clicca qui per scaricare la brochure

 


 
Doghe
Le doghe sono elementi per facciate realizzabili in lunghezze sino a 6000 mm e larghezze sino a circa 500 mm. I pannelli - disponibili in diverse dimensioni - vengono montati in cantiere con la tecnica dell'incastro maschio/femmina o con giunto a sovrapposizione.
La dilatazione dei pannelli in senso trasversale non incide eccessivamente, mentre la dilatazione del tetto o del rivestimento in senso longitudinale deve essere compensata da uno spazio vuoto o da una separazione al fine di assorbire tale dilatazione. Se si utilizzano profilati più lunghi, si dovrà compensare la dilatazione al margine della campata ed attraverso la sottostruttura.

 


 
Cassette
Le cassette, elementi di rivestimento con bordi ripiegati su tutti i lati, sono disponibili in una gamma di proporzioni variabile. La loro realizzazione avviene seguendo le indicazioni del progettista.
Grazie alla piegatura dei bordi, è possibile posare anche lastre di dimensioni maggiori mantenendo la planarità della facciata. Per conferire maggiore resistenza o per irrigidire ulteriormente gli elementi a cassetta di grande formato è possibile utilizzare, ad esempio, un sistema che consenta l'incollaggio sul lato posteriore di materiali rigidi, quali legno compensato multistrato o tavole OSB, ecc.


 

Giunto a listello
Questo tipo di copertura prevede l'interposizione tra le lastre di un listello in legno fissato all'armatura, su cui si collega il lembo ripiegato della lastra. Sui listelli viene applicata una copertina scorrevole a forma di cappuccio o coperchio; rispetto alle sottili nervature della doppia aggraffatura, in questo caso l'effetto ottico del tetto o della parete risulta più strutturato.
Dal punto di vista tecnico, per quanto riguarda lunghezza, larghezza delle lamiere e pendenza minima del tetto, si applicano le stesse regole della copertura in doppia aggraffatura. Le lamiere non vengono piegate completamente a 90° sui lati di modo che, alla base del listello, resti un'intercapedine in grado di assorbire la dilatazione trasversale; in alternativa vengono impiegati listelli conici.

 

Kalzip® sistema di copertura in alluminio con pendenza minima 1%
Si tratta di un nuovo sistema di copertura industriale, prefabbricato con bordatura verticale, che prevede l'assemblaggio di elementi componibili. La prefabbricazione, eseguita con meticolosa precisione e secondo misure precise, garantisce il più alto grado di affidabilità.

Installazioni su grande scala favoriscono le operazioni di montaggio, già semplificate in maniera significativa dalla prefabbricazione industriale che ha limitato di molto la modellazione nel corso della posa in opera.
Clicca qui per scaricare la scheda Kalzip